L’estate sta arrivando… la spiaggia sta aspettando

La spiaggia sta aspettando. Si tutti noi!

Fra creme da sole e ombrelloni i nostri studenti di Accademia Studioitalia iniziano a popolare le spiagge del Lazio. Solitamente Ostia! Noi per venire incontro a tutti i “bisognosi” vi segnaliamo le migliori che hanno ottenuto la famigerata Bandiera Blu.

Per chi di voi non lo sa, la bandiera Blu è il riconoscimento che attesta la pulizia dell’acqua e che ci permette di andare a passare piacevoli ore serenamente vicino casa con i nostri familiari.

Via con l’elenco!

GAETA

gaeta spiaggia lazio

La città nel lazio, nel golfo che prende lo stesso nome, ha ricevuto per tre anni consecutivi il premio Bandiera Blu per la bellezza delle spiagge di Arenauta, ariana, Sant’Agostino e Serapo. A 2 ore da Roma un paradiso che ci attende.

 

SPERLONGA

Sperlonga spiaggia

Sempre a due ore di distanza da Roma, sono state premiate le spiagge di Ponente/Lagolungo e Bazzano /Levante nella località di Sperlonga. Bellissimo posto dove passare delle giornate di mare memorabili!

VENTOTENE

Ventotene spiaggia lazio

Se volete osare e passare un weekend d’amore in una spiaggia bellissima ma pur sempre vicina a Roma, non potete che scegliere Ventotene e la spiaggia di Cala nave dalla sabbia morbida e dai riflessi color bronzo. Osservare il paesaggio e sorseggiare un drink pensando di essere fortunati a vivere in Italia.

ANZIO

Anzio spiaggia lazio

Se non avete molto tempo a disposizione potrete scegliere il comune di Anzio che ha visto premiate le spiagge di Riviera Levante, Riviera Ponente e Tor Caldara che prende il nome dalla torre costiera che venne eretta verso la metà del Cinquecento. Quest’ultima è sicuramente una delle spiagge più belle delle costa laziale e negli anni è stata perfettamente conservata nel suo stato naturale in quanto Tor Caldara fa parte di un’area naturale protetta istituita nel 1988.

SAN FELICE CIRCEO

Spiaggia lazio

Questa è una delle località più attraenti del litorale Pontino. E’ una zona molto elitaria, frequentata prevalentemente dai romani, che si sviluppa in due aree: il promontorio e la parte pianeggiante. Che aspettate a venire a Roma per studiare l’italiano con noi di mattina e divertirvi il pomeriggio con gli amici al mare???

Why did I come to Italy? My experiences

Why did I come to Italy?I think there are not clear, simple reasons. I belive that our detination is not just a place but what we feel inside us. In fact we do not know where or when we will get there. The important thing is to be able to see it. To stop for a moment, look around and realize what really has the meaning. To find moments, these short moments which give a sense to our lives, which are much deeper and much more important than we can imagine, which are far away from this for what we run every single day. After losing almost all hope for happiness, I found these moments THERE, in Rome. Italy will never be an ordinary country because Italy is Italy. If it was the ordinary country, it wouldn’t have Rome. As an American writer, Anatole Broyard said: “Rome is a poem pressed into service as a city”. It is the magic which is spread in front of your eyes. It is a place where dreams come true. I love Rome. I love visiting this city. I love that incredible feeling when I go through the Roman streets. When I feel the wind in my face and hear “ciao” all around me. When all I want to repeat is “Come dolce è la mia vita”. Italians have certainly mastered the art of living filled with good food and good conversation each day. I like eating and Italian cuisine boasts its fresh fruits and vegetables, all bursting with flavour. I am able to eat Italian food over and over again, not forgetting to mention drinking italian wine which in my opinion is the best in the world.

Toasting with the red wine
Toasting with the red wine

I am fully in love with Italy, however there are also aspects which I didn’t expect before coming here. Having in mind some confidence taken from the movies I believed that Italy would be full of citizens who speak English, however at some places I found myself in the middle of nowhere when it comes to communicating in that language. Majority of Italians want us to speak italian. I thought that research and acquisition of basic italian was unnecessary, because I have already eaten at Italian restaurants before and I’ve already known what “ciao” means. Then I was shocked to find that those bread sticks on the table are for free and that after asking for a “latte” I would get a glass of cold milk instead of coffee with milk. Another thing any I learned is that here is time and then there is Italian time. Italian time is so elastic so you shouldn’t be surprised when your 4 p.m. tour around the city starts at 4:30. Many businesses shut down for lunch so double-checking of business hours is crucial. Public transportation is also often “out of order” or delayed, so give yourself time and relax. Getting angry is useless.

Buses out of order
Buses out of order

Five things you have to do in Italy:

1. Validate your ticket.

Whether you take train from one city to another or you travel within a city simple buying a ticket isn’t enough, you must validate it before you board. Most tickets are not date or time specific, so if you don’t validate it before boarding it is as if you haven’t paid for your ride. Sometimes the ticket validation machines are on platforms before you get on the train, sometimes they’re on the bus.

Machine which validates tickets at train stations
Machine which validates tickets at train stations

2. Eat at least two ice cream scoops daily.

Italian gelato is made with milk, not cream, so it is a lot less fattening than people think. It is a well-deserved treat after a day filled with sightseeing, studying or working. Eating ice cream really does make us happy. Scientists have found that a spoonful of ice cream lights up the same pleasure centre in the brain as winning money or listening to your favourite music.

Woman with ice cream in front of Trevi fountain
Eating ice cream in front of Trevi fountain

3. See an Italian soccer game

Regardless of the fact if you’re a soccer fan, or even a sports fan going to a game of calcio is unforgettable. Italian soccer can be considered a second religion in this country, and experiencing a game live lets you witness the passion Italians feel for their clubs.

AS Roma supporters during the match
AS Roma supporters during the match

4. Eat pizza

There’s nothing like eating something as universally well-known as pizza in the country where it was born, and for that you have to do it. The Margherita is still the most popular pizza today, perhaps because it’s simple, light and tasty. A good tomato sauce, a good mozzarella or a good extra virgin olive oil make a lot of difference. It’s not easy to have and find these ingredients all over the world. In Italy they are the best.

Pizza is the most famous italian dish
Pizza as the most famous Italian dish

5. Learn Italian at least at basic level

Learning italian is very usefull and beneficial especially when it comes to communicating with Italians and coping with daily activities properly. Italian has the highest number of words for describing food.
Whether you order food in a restaurant or do the grocery shopping at one of the street markets, having a knowledge of the language not only enriches your holiday experience, but also allows you to save a few euros.

Learn italian to be able to speak well
Learn Italian to be able to speak well

Good luck!

5 modi originali per mangiare il cocomero

1. Pizza di cocomero

Avete mai pensato di trasformare un cocomero in una pizza?

E magari di servirlo durante un aperitivo estivo per stupire i vostri ospiti? Ecco la ricetta che fa per voi:
a)Per prima cosa preparate una crema leggera mescolando in un recipiente yogurt greco con miele a vostro piacimento.
b) Tagliate una fetta di cocomero in modo trasversale.
c) Distribuite sul cocomero la crema che avete preparato.
d) Dividete il cerchio in 8 spicchi uguali e decorate la vostra pizza con frutta fresca di stagione e il gioco è fatto!
e) Servite in tavola e lasciate i vostri invitati a bocca aperta!

2. Stelline decorativestellina di cocomero

Il cocomero può essere utilizzato anche come golosa decorazione e il procedimento è semplicissimo!
Affettatelo e create delle stelline aiutandovi di una forma per biscotti. Infilzateli con uno stuzzicadenti.
E voilà ecco la vostra decorazione.
Potete sbizzarrirvi a creare delle decorazioni anche con il vostro frutto preferito!

spiedini di cocomero3. Spiedini di frutta

Gli spiedini di frutta possono essere un’alternativa divertente ai tradizionali spiedini di carne! In che modo?
Tagliate il cocomero e la feta a cubetti e il cetriolo a fettine.
Infilza su lunghi spiedini di legno i cubetti di anguria, le olive nere snocciolate, i dadini di feta e le fettine di cetriolo. Aggiungete dei crostini di pane croccante!

rosa di cocomero4. Rosa di cocomero

Se amate le decorazioni scenografiche, ecco un tutorial che fa per voi! http://www.instructables.com/id/How-to-Make-a-Watermelon-Rose/

5. Gazpacho “falsi amici”

Gazpacho di bucce d'anguria, by FRAGOLE A MERENDA

A volte i falsi amici fanno pace, fondendosi in una ricetta buonissima!
Preparare il gazpacho di bucce d’anguria è estremamente semplice con i seguenti ingredienti: 1 kg di bucce d’anguria, 2 cetrioli, 10 pomodorini, una manciata di pinoli, un mazzetto di prezzemolo
Eliminate la scorza dalle bucce dell’anguria e poi frullate tutti gli altri ingredienti. Salate e pepate a vostro piacimento e poi lasciate raffreddare il gazpacho per un’ora in frigo!

Buon appetito!

5 cose da fare a Roma durante la Primavera.

5 cose da fare a Roma durante la Primavera. Abbiamo creato una lista di luoghi da poter visitare durante uno dei periodi più belli dell’anno.

  1. Visita al Roseto Comunale   

Giardino dei rosetiIl roseto comunale di Roma, situato ai piedi del colle Aventino, ospita oltre 1000 rose provenienti da tutto il mondo.  Il roseto comunale di Roma aprirà il 21 di aprile fino al 19 di giugno e sarà aperto tutti i giorni  dalle 8,30 alle 19,30.

     

2.Visita al Giardino di Ninfa

ninfaEletto il Giardino d’Italia 2015, sembra un luogo uscito da una fiaba. All’interno del giardino di Ninfa (nei pressi della città di Sermoneta) si incontrano  numerose varietà di magnolie, betulle, iris palustri e una sensazionale varietà di aceri giapponesi, ciliegi, meli e piante tropicali.

Orari di apertura e di apertura al pubblico: http://www.fondazionecaetani.org/visita_ninfa.php

   

3. Hanami al Laghetto dell’EUR

CiliegiNella lista delle cose da fare a Roma non poteva mancare quello che sembra essere diventato un must per i romani: la fioritura dei ciliegi al laghetto dell’EUR. Grazie ai 2500 alberi di ciliegio il parco che circoscrive il laghetto offre uno spettacolo suggestivo che ci fa sognare il Giappone. Non dimenticate un telo per mangiare, sdraiarvi e godervi lo spettacolo!
La macchina fotografica è d’obbligo.

4. Visita all’orto botanico di Roma

L’Orto Botanico di Roma è uno dei più grandi d’Italia, ed è aperto da marzo a ottobre, dalle 9 alle 18:30. Durante lo svolgimento di manifestazioni e eventi, il Museo Orto Botanico è aperto anche di domenica Prenotazioni visite guidate:
http://orto.gestyweb.it/Main.php

INGRESSO
Biglietto d’ingresso € 8
Ridotto € 4 (da 6 a 11 anni e oltre i 65 anni). L’ingresso é gratuito per i bambini di età inferiore a 6 anni e per i portatori di handicap (con tesserino sanitario) e il loro accompagnatore.

Sito web: https://web.uniroma1.it/ortobotanico/

 

  1. La luna sul colosseo: apertura serale straordinaria

 colosseo by night

Dall’11 marzo al 30 dicembre 2017 sarà possibile visitare il Colosseo di sera, godendo di una particolare illuminazione serale.  Per ulteriori informazioni visitare il sito ufficiale del monumento: http://www.coopculture.it/events.cfm?id=177

6. Venire a studiare in ACCADEMIA STUDIOITALIA

Perché non approfittare della bella stagione e venire a studiare italiano nella nostra scuola? Potrebbe essere la soluzione finale per poter imparare qualcosa e avere tempo per fare le altre 5 attività proposte! Fai il test di lingua italiana e scegli la tua classe oggi! 🙂

 

L’equinozio di primavera o l’inizio della bella stagione?

L’equinozio di primavera o l’inizio della bella stagione

Alle 11.29 di questa mattina avete sentito qualcosa di diverso nell’aria?

equinozio-primavera--640x342Se la risposta è sì non vi siete sbagliati, poiché a quell’ora eclittica ed equatore celeste si sono intersecati, dando origine al cosiddetto equinozio di primaveraLa parola equinozio affonda le sue radici nel composto latino aequinoctium, il quale racchiude le parole aequus (uguale) e noctis (notte). La durata del giorno, infatti, è identica alla durata della notte in tutti i paesi della Terra. A partire da oggi fino al mese di settembre, la linea che divide la zona oscura e la zona illuminata del pianeta Terra, subirà un’inclinazione progressiva, donando al nostro emisfero luce e calore solare. In poche parole…inizia la bella stagione!

Etimologia, tradizioni e modi di dire

Canonico__Equinozio-di-Primavera_gLa parola primavera ha origini molto antiche: sembra che la sua radice debba essere  cercata nel sanscrito vas (brillare, splendere) e dal latino primus.

Una sorta di primo bagliore. Perché nonostante la primavera si ripeta ogni anno, tutto sembra succedere per la prima volta. Dopo pomeriggi freddi, giornate uggiose e domeniche passate in casa a oziare, è il momento di uscire dal bozzolo e di apprezzare gli spettacoli che la natura ci regala !Ma per godere ancora di più di questa stagione, conosciamone insieme i simboli, le leggende  e le tradizioni!

Le uova

Secondo la leggenda, prima di morire l’Uccello di fuoco preparava un nido dalla forma d’uovo riprendendo vita dalle sue ceneri fino all’infinito. Proprio come l’universo. Proprio come la primavera.

Le rondini

rondine primaveraLe rondini sono da sempre simbolo di leggerezza, di rinascita, di bellezza e di eleganza. Ma soprattutto  di primavera. Avete mai sentito il proverbio italiano “una rondine non fa primavera?” (non basarsi sulle apparenze traendo conclusioni rischiose e affrettate). Non tutti sanno che si tratta in realtà di una frase di Aristotele.
La rondine, infatti, ha sempre esercitato un certo fascino su poeti, musicisti e artisti. Ciò che ha sempre stupito le civiltà del mondo antico è la puntualità che questo uccello ha sempre avuto nel tornare dai suoi viaggi, regolandosi in base alle stagioni (tornava sempre dopo la prima metà di marzo).

Modi di dire
Avere molte primavere (aver vissuto molti anni)
A primavera vengon fuori tutte le magagne (i problemi)
Per San Valentino (14 febbraio), primavera sta vicino.
Primavera rifiorita, senti scorrere la vita.