L’ 8 marzo e la festa della donna

L’8 marzo  l’Italia si tinge di giallo

8 marzo festa della donna
8 marzo festa della donna

In occasione della festa della donna,  le strade di Roma e di tutta Italia si sono tinte di giallo. Il giallo acceso di un fiore soffice e profumato: la mimosa.
Secondo alcuni studiosi, l’etimologia della parola andrebbe rintracciata nel latino “mimus” (mimo), poiché alcune specie di questa pianta hanno la peculiare caratteristica di essere sensibili agli stimoli tattili e di ritrarsi, quasi a voler imitare le smorfie dei mimi durante i loro spettacoli.

8 marzo festa della donna
8 marzo festa della donna

Ma per quale ragione è stato scelto proprio questo fiore?
La risposta risale al 1946, quando a Rita Montagnani (moglie di Palmiro Togliatti) e a  Teresa
Mattei (partigiana), soprannominata anche Teresita, fu dato il compito di scegliere un fiore che simboleggiasse la festa delle donne.
Bisognava allora scegliere fra i fiori che sbocciavano nei primi giorni di marzo. I fiori candidati erano appunto mimose,  garofani e anemoni. Le prime ebbero la meglio per due ragioni principali: in primo luogo erano molto economiche  (rappresentando quindi un dono accessibile a tutte le tasche). In secondo luogo, la mimosa, apparentemente fragile, aveva la capacità di crescere e fiorire in condizioni sfavorevoli. Questa idea di forza e di sfida fu ritenuta adatta per rappresentare le caratteristiche femminili.

mimosa
mimosa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *