Cinque motivi per diventare prendere la certificazione DITALS e diventare insegnante di italiano

school-1063556_960_7201. L’italiano è la quarta lingua più studiata nel mondo

Dopo l’inglese, lo spagnolo e il cinese, l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo.
Negli ultimi anni, un numero sempre crescente di giovani si sta avvicinando alla nostra lingua,
grazie all’attrattiva esercitata dal Made in Italy in ogni sua sfumatura: dalle eccellenze
enogastronomiche, artistiche e culturali, fino ad arrivare alla moda e al design.

La crescita e lo sviluppo dei social network hanno favorito questo processo, rendendo la cultura, la
gastronomia e la lingua italiana prêt a porter e veicolandola attraverso canali sempre nuovi e al
passo con i tempi: account instagram, siti web che offrono lezioni di italiano via Skype e via
dicendo.

Il numero degli studenti di italiano registra il suo picco maggiore in Francia e in Germania, mentre
per quanto riguarda l’ombrello dei paesi anglofoni sono gli USA e l’Australia ad avere la meglio.
In Cina, l’italiano, è la quarta lingua più studiata, mentre in Brasile si stanno concludendo molti
accordi per inserire l’italiano nei programmi curriculari.

Come non citare il Sud America, che da sempre ospita un numero grandissimo di Istituti di cultura,
mantenendo sempre vivo il rapporto con l’Italia.
Ma cosa significa tutto questo?
Con un pizzico di creatività e una buona dose di innovatività, la presenza sempre più crescente e
costante dell’italiano in Italia, in Europa, oltreoceano e sul web può trasformarsi in possibilità
lavorative e di mobilità illimitate!

2. La certificazione DITALS è riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e
della Ricerca e da istituzioni presenti all’estero.

La certificazione DITALS è un esame non curriculare, volto a valutare il grado di competenza
pratico-teorico del candidato. L’esame è strutturato in due livelli indipendenti a seconda dei
prerequisiti:
Il I livello è destinato a cittadini italiani e stranieri, diplomati di scuola superiore, con esperienza di
insegnamento in qualsiasi materia e/o con attività di tirocinio in classi di italiano a stranieri, mentre
il II livello è consigliabile a cittadini italiani e stranieri, laureati in Italia (laureati in italianistica
all’estero), con buona esperienza di insegnamento dell’italiano a stranieri e buone conoscenze in
ambito glottodidattico.
Una volta conseguita la certificazione ci si potrà proporre come docenti presso centri linguistici
delle università ì scuole elementari, medie e superiori con alunni stranieri, associazioni no-
profit per l’accoglienza dei lavoratori immigrati associazioni culturali, scuole private di
lingua, aziende straniere in Italia, ambasciate italiane di cultura, istituti italiani di cultura ,
dipartimenti di italiano nelle università, associazioni culturali e molto altro…

3. Potrai diventare ambasciatore della cultura e della lingua italiana all’estero e lavorare
mentre viaggi

Quando vai all’estero prepari dei piatti tipici ai tuoi amici stranieri con orgoglio? Ti si illuminano
gli occhi quando parli della tua città? Ti viene naturale dire “in italiano usiamo questa espressione
per…”. Se hai risposto di sì, hai tutte le carte in regola per portare la tua cultura, la tua lingua e i
tuoi valori all’estero e contribuendo a far crescere la realtà della lingua italiana.

4. Potrai contribuire ad armonizzare l’integrazione in Italia

L’immigrazione e il multiculturalismo sono due realtà sempre in crescita in Italia. Sempre più
migranti si trovano a dover affrontare la vita quotidiana in Italia senza un’adeguata preparazione
linguistica e culturale.
Associazioni culturali, organizzazioni no-profit e reti di scuole sono sempre alla ricerca di
volontari motivati e dinamici che vogliano dare il proprio contributo all’integrazione.

5. Potrai imparare a conoscere nuove culture

Insegnare significa mettersi alla prova e imparare ogni giorno. Significa confrontarsi con altre
culture e imparare da esse. Significa mettere tutto in discussione. Emozionarsi. Sentirsi
apprezzati. Ricevere il regalo più bello del mondo: la gratitudine.
Cosa aspetti?
Contattaci per avere informazioni sui prossimi esami e sui tirocini!

Fresh egg pasta, how to make it?

Yesterday students from our school had a unique opportunity to learn how to make different kinds of the most authentic fresh egg pasta. Our schoolmaster skillfully revealed the secrets of “pasta fresca” and led students gradually in the process of preparing it. We all had great fun and succeeded in preparing various types of coloured pasta.

IMG_20170622_190955IMG_20170622_210059

Simple ingredients and little bit of love is all you need to make your own perfect pasta dough. You need 1 egg per 100g of flour for each person.

IMG_20170622_191014

Here we share the method of preparation:

Place the flour on a board or in a bowl. Make a well in the centre and crack the eggs into it. Beat the eggs with your finger until smooth. Using the tips of your fingers, mix the eggs with the flour, incorporating a little at a time, until everything is combined. Knead the pieces of dough together. Once you’ve made your dough you need to knead and work it with your hands to develop the gluten in the flour, otherwise your pasta will be flabby and soft when you cook it, instead of springy and al dente.

IMG_20170622_191120IMG_20170622_191132

There’s no secret to kneading. You just have to bash the dough about a bit with your hands, squashing it into the table, reshaping it, pulling it, stretching it, squashing it again. You’ll know when to stop – it’s when your pasta starts to feel smooth and silky instead of rough and floury. Then allow the dough to rest for 10 minutes wrapped in plastic wrap or a plastic bag.

If using a machine to roll your pasta, make sure it’s clamped firmly to a clean work surface before you start. Dust your work surface with some flour, take a lump of pasta dough and press it out flat with your fingertips. Set the pasta machine at its widest setting – and roll the lump of pasta dough through it. Lightly dust the pasta with flour if it sticks at all. Fold the pasta in half and roll the pasta through all the settings on the machine, from the widest down to around the narrowest. Once you’ve rolled your pasta the way you want it, you need to shape or cut it straight away. Pasta dries much quicker than you think, so whatever recipe you’re doing, don’t leave it more than a minute or two before cutting or shaping it!

IMG_20170622_190810

If you want to prepare coloured pasta you do it by adding natural colour extracts to the dough before drying.

The following colours are generally used:

  • Black pasta (pasta nera) is coloured with squid or cuttlefish ink, which turns it black.
  • Green pasta (pasta verde) is coloured with spinach.
  • Purple pasta (pasta viola) is coloured with beets.
  • Red pasta (pasta rossa) is coloured with tomatoes.
  • Orange pasta (pasta arancione) is coloured with pumpkin or carrots.

Happy kneading, stretching, rolling, and eating!

Un week end all’insegna della buona cucina e del buon vino

Un week end all’insegna della buona cucina e del buon vino

L’estate è alle porte, il sole illumina la città fino a tarda sera e i vicoli di Roma diventano sempre più vivaci e frequentati. Le banchine del Tevere accolgono stand, bancarelle e ristoranti che vantano le cucine più disparate dal mondo, in cui si può degustare un bicchiere di vino seduti su cuscini e ammirare il tramonto.
In questo articolo vi proponiamo una serie di eventi per vivere al meglio il vostro week-end pre-estivo.

Roma cocktail week alle Officine Farneto

ROMA-COCKTAIL-WEEK-2017-locandina

Sei cocktail bar, workshop e sfide di bartending, mixology, concerti, musica e stand.

Quando: 17, 18, 19 giugno
Dove: Roma Cocktail Week via dei Monti della Farnesina, 77
Sito web: http://www.spiritsevent.com/

Birròforum + Fritto Misto

birroforum

Il festival della birra artigianale si unisce a Fritto Misto, la più grande manifestazione dedicata alla frittura, per un evento croccante e sfizioso.
Quando 15/16/17/18 giugno
Dove
Lungotevere Maresciallo Diaz (Farnesina)
Sito web
http://www.birroforum.it/

Open Wine festa del vino

Open Wine: festa del vino a Monti

I caratteristici vicoli di Monti si animano per la manifestazione Open Wine, offrendo una selezione di bianchi e rossi.
Quando 16 giugno
Dove
Via Baccini 66
Sito web
https://www.facebook.com/events/1296331207079561/

Castelli Romani Food Fest

castelli-romani-food-fest-marino-730x430

Porchetta a volontà, food truck e ape car, artisti di strada, spettacoli e buon vino. Tutto questo nella splendida location di Marino.

Quando 16/17/18 giugno
Dove Piazza San Barnaba, Marino
Buon Appetito e Buon divertimento!

L’estate sta arrivando… la spiaggia sta aspettando

La spiaggia sta aspettando. Si tutti noi!

Fra creme da sole e ombrelloni i nostri studenti di Accademia Studioitalia iniziano a popolare le spiagge del Lazio. Solitamente Ostia! Noi per venire incontro a tutti i “bisognosi” vi segnaliamo le migliori che hanno ottenuto la famigerata Bandiera Blu.

Per chi di voi non lo sa, la bandiera Blu è il riconoscimento che attesta la pulizia dell’acqua e che ci permette di andare a passare piacevoli ore serenamente vicino casa con i nostri familiari.

Via con l’elenco!

GAETA

gaeta spiaggia lazio

La città nel lazio, nel golfo che prende lo stesso nome, ha ricevuto per tre anni consecutivi il premio Bandiera Blu per la bellezza delle spiagge di Arenauta, ariana, Sant’Agostino e Serapo. A 2 ore da Roma un paradiso che ci attende.

 

SPERLONGA

Sperlonga spiaggia

Sempre a due ore di distanza da Roma, sono state premiate le spiagge di Ponente/Lagolungo e Bazzano /Levante nella località di Sperlonga. Bellissimo posto dove passare delle giornate di mare memorabili!

VENTOTENE

Ventotene spiaggia lazio

Se volete osare e passare un weekend d’amore in una spiaggia bellissima ma pur sempre vicina a Roma, non potete che scegliere Ventotene e la spiaggia di Cala nave dalla sabbia morbida e dai riflessi color bronzo. Osservare il paesaggio e sorseggiare un drink pensando di essere fortunati a vivere in Italia.

ANZIO

Anzio spiaggia lazio

Se non avete molto tempo a disposizione potrete scegliere il comune di Anzio che ha visto premiate le spiagge di Riviera Levante, Riviera Ponente e Tor Caldara che prende il nome dalla torre costiera che venne eretta verso la metà del Cinquecento. Quest’ultima è sicuramente una delle spiagge più belle delle costa laziale e negli anni è stata perfettamente conservata nel suo stato naturale in quanto Tor Caldara fa parte di un’area naturale protetta istituita nel 1988.

SAN FELICE CIRCEO

Spiaggia lazio

Questa è una delle località più attraenti del litorale Pontino. E’ una zona molto elitaria, frequentata prevalentemente dai romani, che si sviluppa in due aree: il promontorio e la parte pianeggiante. Che aspettate a venire a Roma per studiare l’italiano con noi di mattina e divertirvi il pomeriggio con gli amici al mare???

La mafia uccide solo d’estate (Attività sociale)

la mafia uccide solo d'estate“La mafia uccide solo d’estate” è il titolo della nostra solita attività sociale del mese. Il film di PIF è stato piacevolmente accolto da tutti i nostri studenti. In questo articolo la nostra tirocinante Natalia ha scritto un piccolo articolo. Immergetevi nella lettura!

On Tuesday we watched a very famous Italian movie “La Mafia Uccide solo d’Estate” (“The Mafia Kills Only in the Summer”). It was displayed in Italian, with Italian subtitles which helped us in understanding. The plot of the film takes place in Palermo and it follows the story of the young Arturo Giammarresi, who wishes to become a journalist. Interesting is the fact that his birth coincides with the election of notorious Mafia-linked mayor Vito Ciancimino and a massacre arranged by legendary crime boss Salvatore Riina. What is more, Arturo develops a crush on his classmate – Flora and holds a bizarre obsession with seven-time Italian Prime Minister – Giulio Andreotti, whose long political career was overshadowed by allegations of Mafia ties. In general the film is highlighting the Mafia’s harmful influence over average Sicilians and this how blindness of the public allowed the Cosa Nostra to flourish until high-profile killings finally opened people’s eyes.  The flesh of the story is fiction, but its bones are real. In the end, the movie is mostly a homage paid to the policemen and the magistrates who fought and gave their lives between the late 1970s and 1992, heroes of legality that were martyred in the attempt to dismantle the Sicilian Mafia. It is an interesting and clever comedy with powerful message that probably left many Italians nostalgic.